luglio 9, 2014 | by Mario Amodio
A Ravello l’esperimento acustico di Pino Daniele “È l’inizio di un nuovo corso” / VIDEO

Non poteva esserci espressione artistica migliore di Pino Daniele per interpretare quel concetto di Sud che è il filo conduttore del Ravello Festival 2014. E il concerto, presentato nel corso della principale rassegna della Campania potrebbe segnare anche l’inizio di un nuovo percorso musicale del cantautore napoletano. Unplugged, infatti, nasce per Ravello e dalla città della musica Pino Daniele inizia a solcare il segmento dell’acustico. Un esperimento mai fatto prima di calcare il palcoscenico a picco sul mare della Costiera.

Ringrazio l’organizzazione per avermi invitato – ha esordito Daniele nell’intervista rilasciata all’ufficio stampa del Ravello Festival – Il Festival di Ravello è un palcoscenico prestigioso per ogni artista e poi c’è uno scenario straordinario. Ravello è la parte bella del nostro Sud. Certo ne abbiamo tante di bellezze e troppo spesso si vedono sempre cose brutte”.

Unplugged un concerto acustico: un omaggio solo a Ravello o l’inizio di un nuovo percorso? Suonare in posti come questo è fondamentale per una formazione unplugged. L’acustico è una dimensione che non avevo ancora totalmente sperimentato. E’ un concerto molto latino e spero che la gente apprezzerà.

A settembre un grande concerto con gli amici di sempre (Massimo Ranieri, Fiorella Mannoia, Mario Biondi, Elisa, Emma) per la riedizione di un album molto importante: Nero a metà… Ogni tanto è importante secondo me fermarsi e vedere cosa e successo nella tua vita. Per quanto mi riguarda, nella mia vita artistica e quindi valorizzare anche certe cose che possono aiutare ad andare avanti nel futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654