luglio 28, 2014 | by Mario Amodio
Ambra a Ravello per applaudire Placido: il ricordo di quando fu Duchessa d’Amalfi

Tutti per anni l’hanno sempre associata alle sue origini di soubrette, non ancora maggiorenne, della tv commerciale. Ma conoscendola bene, e soprattutto apprezzandone le doti di attrice (anche teatrale), quello di Ambra Angiolini è solo uno sbiadito, e forse vacuo, ricordo. L’averla incontrata a Ravello, tra piazza Duomo e via Roma, ha fatto ritornare alla memoria un’altra apparizione in Costiera dell’attrice ex tuttopepe di “Non è la Rai”. O per meglio dire un’incursione teatrale nelle vesti indimenticate della duchessa di Amalfi, portato in scena nella basilica del Crocifisso nel gennaio del 2001. “Certo che mi ricordo” replica Ambra all’impertinenza del cronista, che qualche attimo prima l’avvicina per rammentarle di un’intervista concessagli sul matroneo del tempio paleocristiano.
E come potrei dimenticare quella rappresentazione – ha poi proseguito l’attrice – Avevo un ruolo straordinario, intenso. Ricordo che rimasi a lungo sdraiata sul pavimento della chiesa durante una scena. Faceva un freddo terribile e qualcuno degli attori venne a coprirmi con un telo pesante. Pensa che il vestito che indossai in scena me lo cucì mia madre”. Ambra, quattordici anni fa, fu protagonista di una rivisitazione del romanzo di John Webster portata in scena dal regista salernitano Nuccio Siano. E quale migliore location per un testo teatrale in cui si parla di personaggi della storia amalfitana, se non la chiesa attigua al Duomo della città? “Fu una esperienza indimenticabile – aggiunge Ambra – E poi la Costiera è bellissima. A Ravello non ero mai stata: è stupenda”. L’attrice, che ha visitato il Duomo prima addentrarsi tra le stradine interne della “Città della Muisica”, è ritornata su invito di Michele Placido col quale a Barletta girerà fino al 2 agosto il film «La scelta», ispirato alla commedia «L’innesto» di Luigi Pirandello. Del cast fanno parte inoltre Raul Bova e Valeria Solarino.
Michele mi ha invitato a seguirlo qui a Ravello per lo spettacolo con Bacalov” confida poi Ambra che il giorno prima dell’evento del “maestro” ha assistito alle prove nell’auditorium Oscar Niemeyer apprezzando poi tutta la suggestione del palco sospeso tra il cielo e il mare della Costiera la sera del 20 luglio quando Placido ha portato in scena al Ravello Festival lo spettacolo dal titolo “Con el respiro del Tango”. “Ripartiamo lunedì mattina: rientriamo a Barletta per completare le riprese del film. Ma in Costiera mi piace tornarci spero non dopo 14 anni” dice l’attrice che poi concede qualche scatto all’obiettivo del nostro Pino meravigliando ancora una volta per quella immutata semplicità. (ph Pino Izzo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654