dicembre 24, 2014 | by Emilia Filocamo
Da Caserta un calendario per sostenere l’AIRC e un contratto di lavoro annuale per giovani modelle grazie ad un imprenditore e al titolare della Metropolis agenzia

Questa intervista è una barriera frangiflutti, solo che i “flutti”, in questo caso, saranno costituiti dai luoghi comuni, dai cliché, dai pregiudizi di facile declinazione, dai verbi ai quali si accompagna, solitamente, l’articolazione di alcune affermazioni e quindi, nell’ordine, ma non per ordine di importanza i luoghi comuni saranno: la bellezza esteriore non comprende anche quella interiore e viceversa, le belle non hanno valori o sono irrimediabilmente stupide, la Campania non offre opportunità di lavoro ai suoi giovani e, dulcis in fundo, Caserta e la sua provincia sono prevalentemente, o peggio, soltanto camorra, disastri ambientali, terra dei fuochi, rifiuti tossici, disoccupazione e problemi. A fare da barriera frangiflutti sono due persone, due amici, ma soprattutto due campani: il primo è Angelo Esposito, titolare della Metropolis, un’agenzia che non è soltanto sfilate, bellezza e provini, ma anche un punto di contatto ed un ponte con i casting delle più importanti trasmissioni Mediaset, fra le quali Avanti un altro di Paolo Bonolis. Il secondo, invece, è Pasquale Zarrillo, titolare dell’azienda Dermacos, azienda cosmetica casertana che della bellezza ha fatto la propria missione ed il proprio vessillo. L’intervista, doppia, sarà rivolta ai due protagonisti che unendosi, hanno realizzato un progetto in collaborazione con l’AIRC per sostenere la ricerca; nel progetto rientrano un calendario ed una serata evento prevista per il 28 dicembre. Il primo a raccontare del perché di un simile investimento, è proprio Pasquale Zarrillo, che ha sostenuto economicamente l’iniziativa.

Dottor Zarrillo, come nasce questa collaborazione con l’AIRC, perché ha deciso di investire in questo progetto e, soprattutto, in che modo è possibile contribuire e, dunque, donare? La collaborazione nasce, purtroppo, da esperienze personali non felici; come molte persone di queste zone, anche io, ho avuto una persona che si è ammalata di tumore, nel mio caso si è trattato di mia madre, che ho perso quando ero piccolo. Ho appoggiato il progetto dunque perché credo che tutti possano fare qualcosa, un piccolo gesto, per aiutare l’AIRC: il 27 novembre, a Roma, abbiamo sostenuto la serata in cui abbiamo distribuito ben 300 calendari realizzati con l’agenzia Metropolis  ed in più abbiamo inviato dei cadeaux di cosmetica che sono stati sorteggiati nel corso di una lotteria. Erano presenti alla serata anche altri marchi di prestigio, da Bulgari a Dolce e Gabbana.  Per quanto riguarda la modalità di donazione, sul nostro sito www.dermacos.eu è presente il banner indicativo ed una parte del ricavato di ciò che viene acquistato sarà devoluto all’AIRC.

Bellezza e generosità: un binomio importante ma non scontato e soprattutto, proveniente da una terra, quella casertana, caratterizzata da non pochi problemi. Quale messaggio volete e sperate di diffondere con questa iniziativa? Il messaggio è assolutamente universale e, come lei giustamente notava, la nostra è una terra martoriata, ci siamo affibbiati un nome infame, quello di “Terra dei fuochi”. Tuttavia, se da un lato siamo un’azienda localizzata con tutti i problemi che ciò comporta, dall’altro ci battiamo proprio per risolverli, cerchiamo di intervenire e di investire, e siamo a disposizione di tutti. Il messaggio che spero di diffondere, è che tutti possono dare un aiuto alla ricerca, anche un piccolo gesto, seppure può sembrare una goccia nel mare, è necessario, perché il mare è fatto di tante gocce. Per quanto riguarda il binomio bellezza e bontà, spesso si parla di bellezza interiore o esteriore, come se l’una dovesse necessariamente escludere l’altra. Noi curiamo la bellezza sotto ogni aspetto e punto di vista e credo sia davvero l’ideale quando ciò che si ha dentro di bello, coincide anche con un aspetto piacevole e curato.

L’augurio che sente di fare alla sua terra? L’augurio che faccio alla mia terra è di tentare di risolvere tutti i problemi che l’affliggono senza aspettare aiuti esterni, e soprattutto, di prendere coscienza di se stessa. Noi tutti abbiamo l’obbligo di prendere coscienza del fatto che abbiamo tanto da offrire, sotto ogni punto di vista: è venuto il momento di riprenderci le nostre vite.

Chi vuole ringraziare? Ringrazio mia madre che non c’è più, le persone che collaborano con me ogni giorno e che ogni giorno con me prendono decisioni importanti, ringrazio l’agenzia Metropolis che cura ogni aspetto organizzativo. Non ho ringraziamenti politici da fare, abbiamo costruito tutto con le nostre forze, facendoci da soli, giorno dopo giorno, e il ringraziamento va alle persone che ci conoscono e ci supportano da sempre.

A questo punto, l’intervista, si sdoppia e va nella direzione dell’agenzia Metropolis, rappresentata da Angelo Esposito, il braccio organizzativo di questa macchina della generosità.

Angelo, ci spieghi cosa accadrà il 28 dicembre? Certo, presso Villa Turrita, a Dragoni, in provincia di Caserta, si terrà la presentazione del calendario Airc, realizzato con le nostre modelle e la presentazione del concorso nazionale Miss Moda Italiana, un concorso sul quale voglio spendere qualche parola in più. Chi vincerà infatti, avrà diritto ad un contratto lavorativo di un anno, mensilmente retribuito. Questa è un’occasione importantissima per le giovani che parteciperanno perché darà la possibilità non di vincere un concorso e di restare nell’anonimato, ma di poter fare dei progetti, di poter pagarsi ad esempio gli studi, visto che molte di queste ragazze sono iscritte all’università. Nel corso della serata interverranno anche diversi artisti, come il cabarettista Angelo Di Gennaro, l’attrice di Un posto al Sole, Stefania Di Francesco e la cantante Veronica Vitale. Questi artisti interverranno gratuitamente in nome della ricerca.

Angelo, la Metropolis è un ponte di contatto con le maggiori trasmissioni Mediaset, ma quali requisiti devono avere le persone che selezionate? E come nasce questa vostra collaborazione con il mondo dello spettacolo? In realtà non si tratta solo di ragazzi e ragazze di bell’aspetto, ma anche di persone che hanno qualcosa da dire. Del nostro gruppo di lavoro fanno parte anche donne mature ma con una preparazione culturale, con la voglia di dire qualcosa, fra le nostre leve ricordo l’attore Raffaele Bellopede, che ha recitato fra l’altro anche in Squadra Antimafia. La collaborazione è nata durante le sfilate, sono stato contattato proprio perché la nostra agenzia facesse da filtro con le trasmissioni televisive e Mediaset ci ha accordato la fiducia necessaria per portare avanti il nostro lavoro. La nostra agenzia è un’agenzia basata sull’esperienza e che non si improvvisa in questo mestiere, mi piace ricordarlo.

I prossimi progetti dell’agenzia Metropolis? Ci occuperemo prevalentemente del concorso Miss Moda Italiana: le selezioni riguarderanno tutta Italia e la finale ci sarà il 5 settembre, ogni agenzia presenterà 4 finaliste. Siamo molto orgogliosi di questo concorso perché dimostra che ci sono imprenditori validi ed iniziative che vogliono offrire opportunità di lavoro anche in Campania, nel nostro territorio.

Il tuo augurio a Caserta? Alla mia città auguro di tornare quella di un tempo, con la fertilità anche nel lavoro e soprattutto con un principio di meritocrazia che attualmente non esiste. Miss Moda Italiana va in questa direzione, la giuria vota con palette, visibili a tutti, non c’è segreto, è una votazione assolutamente limpida. Ecco, mi auguro l’inizio per la nostra terra di una stagione di meritocrazia.

Chi senti di dover ringraziare? Sicuramente la Dermacos e Pasquale Zarrillo che ha creduto in noi e nel progetto sin dallo scorso anno e che mi ha dato un aiuto notevole, investendo tantissimo. Si è creata una sinergia stupenda che ci ha permesso di realizzare tutto, e come diceva il dottor Zarrillo, anche io non ho politici da ringraziare, ma solo gli imprenditori e tutte le persone che ancora credono nel proprio lavoro, nell’onestà e nelle infinite possibilità di questa terra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654