agosto 3, 2014 | by Mario Amodio
Hevia e le cornamuse elettroniche sul palco di Villa Rufolo

Ha venduto oltre 4 milioni di dischi nel mondo e si è affermato come il massimo esponente della cornamusa asturiana. Senza dimenticare che in questi anni ha spopolato ovunque col brano-tormentone “Busindre Reel”. Si tratta di Hevia, che questa sera sarà ospite del Ravello Festival per una serata carica di atmosfere latineL’artista asturiano, cui va riconosciuto il merito di aver rinnovato l’interesse per la cornamusa e la musica folk in generale, presenterà in concerto il repertorio del suo ultimo lavoro in studio, Obsession. Oltre a pezzi inediti, Hevia proporrà reinterpretazioni di brani tratti dal repertorio di tango argentino dei gaiteros (suonatori di cornamusa) asturiani emigrati in Sudamerica. Il musicista, accompagnato da Josuè Santos al piano acustico e dalla sorella Maria Josè Hevia alle percussioni, porterà in scena la tradizione musicale del proprio paese e rivisiterà in acustico quei brani originali, come “Busindre Reel”, che lo hanno reso famoso nel mondo. Hevia, inventore della gaita MIDI, una cornamusa elettronica con la quale si esibisce regolarmente, ha pubblicato nel 1998 il suo primo album “No Man’s Land”, distribuito in quaranta paesi, vendendo solo in Spagna più di un milione di copie. Coi successivi “Al otro lado” e “Étnico ma non troppo” si è consacrato definitivamente, mentre con “Obsessión”, il suo ultimo lavoro prodotto dalla EMI, ha raggiunto la maturità artistica. Due suoi brani, “La Línea Trazada” e “El Garrotin”, sono apparsi sul gioco multipiattaforma “Vigilante 8: Second Offence”. Con questo progetto, che porterà sul palcoscenico di Villa Rufolo, l’artista spagnolo rivisita le tradizioni asturiane, dove le cornamuse sono presenti da secoli come protagoniste principali nella vita quotidiana e in tutte le celebrazioni religiose. Una sintesi perfetta tra musica popolare e contemporanea, tra spiritualità e sonorità etniche.

 

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654