settembre 18, 2015 | by redazione
Il presidente De Masi “Concordia e collaborazione per l’ulteriore decollo della Fondazione”

Si sono tenuti ieri (giovedì 17 settembre) i primi due incontri pubblici a Ravello del neo Presidente della Fondazione Domenico De Masi: in mattinata in sala Frau con le associazioni e nel pomeriggio nel ristrutturato Auditorium di Villa Rufolo con una folta rappresentanza di operatori economici. Il presidente, affiancato dal Sindaco, ha voluto condividere con il tessuto produttivo della Città della Musica il suo progetto “di ulteriore decollo” dell’ente. Nel corso degli incontri, il neo presidente ha illustrato missione e progetto quadriennale del nuovo corso, partendo proprio da concetti quali creatività, bellezza, cultura, felicità e silenzio che, ad avviso di De Masi, “si sta velocemente perdendo”, insomma quel paradigma sintetizzato nello “Spirito di Ravello” sul quale, oggi come ieri, si deve sempre più puntare. Tra i punti della missione della presidenza De Masi anche il blocco della disoccupazione e dell’emigrazione giovanile a cui addivenire attraverso quel processo di destagionalizzazione dell’offerta turistica e di formazione costante. “La Fondazione dovrà puntare solo sui numeri 1!” il concetto ripetuto come un mantra in questi giorni, non solo durante gli incontri, ma anche in occasione delle riunioni informali che il presidente ha tenuto con lo staff. Il progetto quadriennale di De Masi prevede la realizzazione di quattro rassegne culturali con proprie identità: un festival primaverile sulla natura; un festival estivo rivisitato, che sia sempre interdisciplinare, con un numero di eventi più contenuto e con spazio all’enogastronomia; un festival autunnale dedicato alle avanguardie ed un festival invernale tutto incentrato sull’introspezione e sulla musica sacra. Quattro festival e attenzione maniacale alla cura della città, all’organizzazione che deve tendere sempre più alla perfezione. “Il paragone deve essere con le grandi realtà internazionali” ha sottolineato De Masi. Altro punto non meno importante, la concordia e la collaborazione tra Ravello e la sua Fondazione. Passando alle iniziative nel breve periodo, l’idea è quella di “riempire di musica” Ravello (dal 22 dicembre al 6 gennaio) con un’orchestra di 120 elementi che faccia una quindicina di concerti tutti totalmente gratuiti. Per fare questo e per tutte le altre iniziative il presidente ha chiesto agli operatori di stringere un vero e proprio “patto commerciale”. “Ogni volta che farò qualcosa – ha detto De Masi – vi chiederò di contribuire e collaborare”. In coda, spazio alle domande e al confronto dal quale sono emersi, tra tutti, i problemi della viabilità e il rilancio dell’Auditorium definito dal presidente “risorsa degente” che  “se attivato darà al paese una convention alla settimana perché è una macchina che deve produrre ricchezza e non essere un peso”. (foto Pino Izzo)

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654