luglio 15, 2014 | by redazione
Il Ravello Festival ospita il genio della melodia: Burt Bacharach

Da sei decenni ascoltiamo le sue musiche. Come quel “Do You Know the Way to San José?”, melodia brillante e ritmata scelta come sigla delle trasmissioni radiofoniche più seguite della mattina a cavallo tra gli anni Sessanta e i Settanta. Un evergreen che figura nella scaletta di brani scelti per il grande pubblico del Ravello Festival che domani sera accoglierà Burt Bacharach, uno degli artisti più celebri e gloriosi del panorama musicale attuale. Compositore, arrangiatore, pianista e cantante, è considerato un autentico punto di riferimento per generazioni di autori pop, jazz e classici. A ottantasei anni, colui che è passato alla leggenda come uno dei più grandi melodisti del suo paese, uno specialista di romantiche canzoni d’amore, calcherà il palcoscenico di Villa Rufolo per riproporre buona parte del suo repertorio musicale. Brani per i quali la parola “inconfondibile” non è banale retorica, ma precisa indicazione di stile, anche quando nella sua lunga carriera ha condiviso la firma con altri autori di successo come il paroliere Hal David. “An evening with” è il titolo del concerto già sold out in programma (ore 21.25) a Ravello dove si esibirà nei ruoli di pianista e di cantante. Al suo fianco una composizione musicale di dieci elementi composta da Bill Cantos e David Joyce alle tastiere, Elzabeth Chorley al violinio, David Coy al basso elettrico, Tom Ehlen (tromba e flicorno), Dennis Wilson ai fiati e John Ferraro alla batteria e alle percussioni. Completano il gruppo i coristi Josie James, John Pagano e Donna Taylor. A Ravello, in un serata magica impreziosita dalla presenza della sua band, il pianista-compositore di Kansas City ripercorrerà le principali tappe di una carriera che nell’ultimo mezzo secolo ha fatto sognare diverse generazioni di innamorati della musica, ma anche del cinema e del teatro. Bacharach, che ha firmato di recente un’autobiografia con Robert Greenfield appena pubblicata in italiano da Mondadori (si intitola “Chiunque abbia un cuore”, traduzione letterale di “Anyone Who Had a Heart”, che è anche il titolo di una delle prime canzoni scritte da Bacharach per Dionne Warwick) ha collaborato con i più prestigiosi interpreti della storia della musica moderna, tra cui i Beatles, e scritto brani indimenticabili quali Walk On By, I’ll Never Fall In Love Again, What The World Needs Now Is Love, I Say A Little Prayer, Raindrops Keep Falling On My Head, solo per citare alcuni degli innumerevoli preziosi classici del suo repertorio. Negli anni ha avuto al suo fianco le voci più belle tra cui Dionne Warwick e Aretha Franklin. Agli esordi addirittura la femme fatale Marlene Dietrich, per interpretare tutte quelle canzoni con una immediatezza melodica veramente irresistibile. L’organizzazione ricorda che l’orario indicato coincide con quello di chiusura dei cancelli. Oltre tale limite, in nessun caso sarà consentito l’ingresso al pubblico, se non durante l’intervallo dello spettacolo (laddove previsto). www.ravellofestival.com. Per info e prenotazioni 089.858422, boxoffice@ravellofestival.com.

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654