agosto 11, 2015 | by redazione
Jazz e classica nella Città della Musica, Kenny Barron e Dave Holland si alternano ad Enrico Dindo e Monica Cattarossi

Sul filone del grande jazz, il Ravello Festival, che quest’anno è dedicato al tema dell’“InCanto”, ha in programma per i suoi ospiti il concerto di un duo strepitoso e di alta classe: Kenny Barron e Dave Holland. I due protagonisti della scena jazz contemporanea, infatti, si esibiranno giovedì 13 agosto (Belvedere di Villa Rufolo – ore 21.30 – posto unico 35 euro) inThe Art of Conversation”, dando vita ad un affascinante dialogo tra il pianoforte di Barron e il contrabbasso di Holland.
Forti di un affiatamento importante e di spiccate personalità, Barron e Holland rendono i loro incontri una continua scoperta per il pubblico, che si troverà ad assistere ad una conversazione musicale intima e allo stesso tempo ricca di sorprendenti guizzi di improvvisazione.
Entrambi sono considerati parte della storia del jazz degli ultimi 50 anni, per averne saputo rinnovare il linguaggio attraverso le contaminazioni. Da sempre attivi sulla scena, Kenny Barron vanta molteplici collaborazioni, tra cui quelle con Roy Haynes, Charlie Haden, Regina Carter, mentre Dave Holland, lavora da giovanissimo alla corte di Miles Davis, per poi intraprendere un suo percorso che lo porta a lavorare con Chick Corea, Anthony Braxton e Barry Altschul (quartetto Circle) ma anche con Herbie Hancock, Pat Metheny, Betty Carter, Roy Haynes e Jack DeJohnette.
Mercoledì 12 agosto, intanto, il Ravello Festival aprirà ancora una volta i suoi spazi alla musica classica ospitando un altro sodalizio eccellente, quello tra il celebre violoncellista Enrico Dindo e la pianista Monica Cattarossi (Villa Rufolo – ore 21.30 – posto unico 30 euro), che hanno trovato nella comune passione per la musica da camera il modo per esprimere al meglio il proprio talento. 
Il programma della serata sarà dedicato alle musiche di tre grandi compositori, il duo infatti porterà in scena i Drei Fantasiestücke (Tre pezzi fantastici), Op.73 e i Fünf Stücke in Volkston (Cinque pezzi in stile popolare), Op.102 di Robert Schumann, la Sonata No.1 in re minore per violoncello e pianoforte, L 144 di Claude Debussy e la Sonata in re minore per violoncello e pianoforte H.125 di Frank Bridge. www.ravellofestival.com. Info e biglietteria 089 858422 

Mercoledì 12 agosto
Villa Rufolo, ore 21.30
Enrico Dindovioloncello
Monica Cattarossipianoforte
Musiche di Schumann, Debussy, Bridge
Posto unico € 30

PROGRAMMA

Robert Schumann (1810-1856)

Adagio e Allegro, op.70

Drei Fantasiestücke (3 pezzi fantastici), op.73
Zart und mit Ausdruck (Delicato con Espressione)| Lebhaft, leicht (Animato, Leggero) | Rasch und mit Feuer (Rapido e con fuoco)

Fünf Stücke in Volkston (5 pezzi in stile popolare), op.102
Mit humor (Vanitas vanitatum: con umore)| Langsam (Lento)| Nicht schnell, mit viel Ton zu spielen (Non svelto, con untono recitante)| Nicht zu rasch (Non troppo svelto)|
Stark and markirt (Vigoroso e marcato)

***

Claude Debussy (1862-1918) 
Sonata n.1 in Re minore per violoncello e pianoforte, L 144 
Prologue: Lent, sostenuto e molto risoluto | Sérénade: Modérément animé |
Finale: Animé. Léger et nerveux

Frank Bridge (1879-1941) 
Sonata in Re minore per violoncello e pianoforte, H.125 
Allegro ben moderato | Adagio ma non troppo. Molto allegro agitato

Giovedì 13 agosto
Belvedere di Villa Rufolo, ore 21.30
The Art of Conversation
Kenny Barronpianoforte
Dave Hollandcontrabbasso
Posto unico € 35

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654