febbraio 18, 2014 | by Nicola Mansi
La nuova Atlantide è in Cina

Una scoperta straordinaria è stata fatta in Cina e c’è da scommetterci che Shi Cheng (la “città dei leoni” in mandarino), diventerà un nuovo business per tutto il paese. L’Atlantide cinese tutta da riscoprire si trova sul fondale di un lago nella parte orientale del paese tra i 26 e i 40 metri di profondità e secondo gli archeologi è stata costruita tra il 25 e il 200 dopo Cristo. Abitata per oltre 1300 anni da 290mila persone, la città è stata sommersa nel 1959, quando fu costruita la centrale idroelettrica sul fiume Xin’an. Questo sito archeologico, grande quanto 62 campi da calcio, è rimasto per 53 anni sotto le acque del lago artificiale, dove i monti sono divenuti 81 isolette con l’arrivo delle acque. Il governo del Zhejiang, una delle province più industrializzate e ricche della Cina, ha deciso di sfruttare la città sommersa per incrementare il turismo e ha inviato una squadra di sommozzatori a controllare la situazione. “Siamo stati fortunati – ha dichiarato uno dei membri della squadra – appena ci siamo tuffati nel lago abbiamo trovato le mura di cinta della città, e abbiamo prelevato alcune delle pietre delle quali sono fatti”. Le foto scattate dai sommozzatori indicano che gran parte degli edifici, delle strade, dei templi della città sono rimasti per lo più intatti.

LE FOTO SUBACQUEE

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654