dicembre 17, 2014 | by Nicola Mansi
Muti, “I giovani devono trovare lavoro in nostre orchestre.” Il Maestro chiude a Pesaro il tour decennale dell’Orchestra Cherubini

“I nostri giovani devono trovare lavoro nelle nostre orchestre, nel nostro povero Paese dove non tutte le regioni ne hanno una”.
Lo ha detto il maestro Riccardo Muti, ieri sera a Pesaro dove ha chiuso con un concerto al Teatro Rossini il tour decennale dell’Orchestra Cherubini, la compagine da lui fondata nel 2004 e formata da giovani musicisti, tutti under 30, che si rinnova periodicamente. Dopo tre anni i componenti approdano in genere in formazioni prestigiose. “Quante orchestre ci sono a Pesaro?”, ha chiesto al pubblico. “Due“, gli è stato risposto. “Troppe“, ha detto qualcuno. “Datene una a Urbino“, ha fatto presente dalla sala Vittorio Sgarbi, assessore alla Rivoluzione del comune feltresco. Dopo aver ammonito scherzosamente che a volte troppe orchestre non solide possono significare “precarietà”, Muti ha concesso un bis: non Rossini, nella città che ha dato i natali all’autore del Barbiere di Siviglia, “perché qui siete troppo bravi”, ma la splendida overture della verdiana ‘Giovanna D’Arco’, che ha chiuso la serata dopo la Sinfonia numero 4 in Do minore “Tragica” di Schubert e la Sinfonia numero 4 in Mi minore di Chaikovski. La Cherubini è stata creata proprio per permettere il passaggio dal mondo dello studio della musica all’attività professionale. In dieci anni i ragazzi di Muti hanno suonato in Italia e all’estero, spesso collaborando con altre celebri bacchette o famosi solisti. Va nella stessa direzione (la formazione e la valorizzazione delle giovani leve della musica) la prossima iniziativa di Muti: una Italian Opera Accademy, vera e propria masterclass per direttori d’orchestra, maestri collaboratori e cantanti che si terrà al Teatro Alighieri di Ravenna nel luglio 2015, durante le prove di Falstaff nell’ambito del Ravenna Festival. L’ufficializzazione ieri sera, poco prima del concerto a Pesaro. Teatro strapieno e pubblico entusiasta per il programma a base di Schubert e Chaikovski.

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654