aprile 8, 2014 | by redazione
Oltre la rettifica

Nel solco tracciato da questo giornale, nato per parlare di cultura, di personaggi, di storie e di tutto quanto sia utile alla crescita sociale e morale di una comunità, pubblichiamo un interessante testo di rettifica ad un articolo di una testata locale con sede a Ravello pubblicato lo scorso 3 aprile (l’articolo originale può essere letto qui). Lo pubblichiamo sulle nostre pagine perché il direttore di tale testata, seppur reiteratamente sollecitato, ha reputato, non si sa bene secondo quale etica professionale e deontologica, di lasciare immutato il testo, continuando a trasmettere ai lettori un messaggio distorto, incompleto e fuorviante. Pubblichiamo la rettifica per amore di verità e per contribuire a quella crescita culturale e sociale che la Fondazione Ravello ha come obiettivo sin dalla propria costituzione.

Ravello, 4 aprile 2014

Gentile Direttore,

in riferimento a quanto da lei sostenuto nel corpo dell’articolo dal titolo “Ravello, al via venerdì 4 la stagione concertistica da camera all’Annunziata” e senza voler polemizzare soprattutto per l’opera meritoria che la Società dei Concerti svolge da anni, ci corre l’obbligo di fornire alcune precisazioni per solo amore di completezza di informazioni.

La Società dei Concerti, di cui è anima Pasquale Palumbo, gode di un sostegno, quantificabile in non meno di 50.000 euro l’anno in termini logistici e di know how da parte di Fondazione Ravello che anche nell’ultimo bilancio ha iscritto tale circostanza per correttezza contabile e morale. Alla Società dei Concerti, che ha il merito di arricchire l’offerta culturale complessiva della città, sin dai tempi dell’EPT non è stato mai richiesto alcun contribuito alle spese per l’uso dell’auditorium di Villa Rufolo – ricordiamo che Fondazione Ravello per l’uso della struttura disegnata da Oscar Niemeyer versa al Comune il canone previsto per l’utilizzo della sala come ben sa lo stesso Pasquale Palumbo essendo amministratore comunale -.

A breve il contributo a Società dei Concerti sarà ancora più forte in termini di logistica e supporto, se si considera che al termine dei lavori di ristrutturazione e riqualificazione dell’auditorium di Villa Rufolo si potrà contare su una sala ulteriormente confortevole, oltre che sull’effetto Fondazione che accredita sempre più il monumento come straordinario contenitore di eventi.

Di tutto questo ne è al corrente lo stesso Pasquale Palumbo che, a differenza di altre circostanze, questa volta è stato distratto e ha fatto mancare il suo solito, tempestivo e puntuale intervento di chiarimento e precisazione. Non fosse altro perché, seppur con le dovute differenze e come certamente ricorderà anche lo stesso direttore de Il Vescovado, esistevano situazioni di palese degrado come quel vetro rotto alle spalle del pianista rimasto lì per anni prima del passaggio di gestione della Villa alla Fondazione Ravello.

La conoscenza e la divulgazione della verità e dei fatti è pilastro fondamentale per la crescita culturale di un luogo, prima ancora che per la sua crescita economica.

 

 

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654