marzo 14, 2014 | by redazione
Ravello protagonista della nuova campagna pubblicitaria dell’Enit

È l’avamposto del tempio della musica e della cultura. Un’appendice suggestiva, romantica, incantevole. Il piazzale dell’Auditorium Oscar Niemeyer non è solo un luogo di transito, di raccordo tra la strada e la linea curva disegnata oltre dieci anni fa dall’archistar brasiliana per Ravello. È un palcoscenico che si apre sul mare della Costiera. E più ancora uno spazio raffinato che sembra congiungersi con l’estremo limite del blu. Un luogo dove fare musica, anche fuori dal tempio. Ci è riuscito Paolo Fresu, complice la nuova campagna pubblicitaria lanciata da Enit per promuovere il Made in Italy attraverso le immagini delle piazze più suggestive del Bel Paese. La sua tromba ha spinto note verso l’infinito. All’imbrunire, dinanzi alle sinuosità della costa e alle cime dei Lattari che graffiano il cielo. Il fascino di Ravello e le note del jazzista sardo fanno da trade union ai fotogrammi in time lapse che compongono lo spot realizzato da Mikaela Bandini. La regista, supportata dall’ufficio stampa della Fondazione Ravello, ha realizzato le straordinarie immagini del piazzale dell’Auditorium in occasione del concerto che lo stesso Fresu ha tenuto nella Città della Musica il 26 aprile dello scorso anno. Lo spot presentato questa mattina a Roma è un commovente omaggio alla bellezza dell’Italia che “rimette l’italiano al centro della comunicazione del Paese”. Il filmato (nelle versioni da 180, 60 e 30 secondi) caricato su youtube già dalle 11 di questa mattina sarà la punta di diamante di tutta la campagna pubblicitaria promossa dall’Ente Nazionale del Turismo: http://www.italy.travel/it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LO SPOT (versione da 180″)

 

PAOLO FRESU DURANTE LE RIPRESE E NEI FOTOGRAMMI DELLO SPOT (ph. ufficio stampa Fondazione Ravello).

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654