maggio 30, 2014 | by Mario Amodio
Tony Cragg si improvvisa Cicerone nei giardini di Villa Rufolo / FOTO

A Ravello è stato due giorni per seguire personalmente l’allestimento della sua mostra “en plein air”. Tony Cragg, lo scultore britannico che dopo Mitoraj e Paladino legherà il proprio nome alla sezione arti visive del Ravello Festival, si è improvvisato cicerone della città della musica incontrando l’internazionalità del turismo a passeggio tra i giardini di Villa Rufolo. La curiosità è stata carpita sul belvedere dove Cragg, durante il set fotografico per la realizzazione del manifesto della sua mostra, si è intrattenuto con alcuni connazionali spiegando loro la metamorfosi dei giardini del principale monumento di Ravello. Lo scultore ha mostrato, anche con ampi gesti, come diventerà quell’angolo del belvedere che si affaccia sulle sinuosità della costa, una volta completato il montaggio del palco a strapiombo sul mare. Sul palcoscenico dal 21 giugno si trasferiranno i principali eventi in cartellone. Il vernissage della mostra del maestro britannico, approdato con le sue monumentali sculture a Ravello (tra la terrazza dell’auditorium Niemeyer e i giardini di Villa Rufolo), è fissato per il 27 giugno. Cragg e Ravello: è già feeling! Per il programma e tutte le info: www.ravellofestival.com (ph Pino Izzo)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a Reply

— required *

— required *

Ravellomagazine è una testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Lucia Serino - Registrazione del Tribunale di Salerno n°9 del 19 marzo 2014. Editing by Fondazione Ravello | p.iva C.F. 03918610654